Home Storia Notiziario Iniziative Info Link Ingrandisci il testo
Associazione
Museo Nazionale
del Cinema

Amici della Fondazione
Maria Adriana Prolo
Via Montebello 22
10124 Torino
T + 39 011 0765039
M + 39 347 5646645
F + 39 011 4377134
info@amnc.it
www.amnc.it

Progetti on line
Torino Città del Cinema / Enciclopedia del Cinema in Piemonte

News - 02.04.2010 indietro
Bajo Juárez. La città che divora le sue figlie - Domenica 11 aprile 2010 ore 21.00

Domenica 11 aprile 2010 ore 21.00
Cinema Massimo Tre, Via Verdi 18, Torino

Proiezione di

"Bajo Juárez. La città che divora le sue figlie"
(Bajo Juárez. La ciudad devorando a sus hijas)
di Alejandra Sánchez Orozco dell’Università Autonoma di Città del Messico, in collaborazione con José Antonio Corsero, Messico, 2007

Copia con sottotitoli in italiano. Traduzione di Laura Valle
Sottotitolazione, revisione e montaggio di Elena Bagalà, Associazione SUR
Supporto tecnico del Laboratorio Multimediale "Guido Quazza", Facoltà di Scienze della Formazione, Università di Torino.

La proiezione sarà preceduta da un incontro con:

Gianfranco Crua, SUR Società Umane Resistenti
Elena Bagalà, studentessa Facoltà di Lettere e Filosofia
Angela Vitale Negrin, Amnesty International
coordinamento di Franco Prono, DAMS Università di Torino

Facoltà di Economia Università di Torino, Progetto Diritti Umani e Globalizzazione
Dipartimento di Scienze Antropologiche, Archeologiche, Storico-Territoriali
SUR, Società Umane Resistenti
Amnesty International
con la collaborazione dell’Associazione Museo Nazionale del Cinema, del DAMS e del Laboratorio "Guido Quazza", Facoltà di Scienze della Formazione, Università di Torino

Il documentario disegna un lucido profilo dei meccanismi di potere che hanno portato ai femminicidi di Ciudad Juarez, città di frontiera tra il Messico e Stati Uniti. Da sedici anni a questa parte vengono assassinate, torturate e stuprate donne e bambine nella più assoluta impunità. Juarez, come tutto il Messico, è oggi alla ribalta internazionale per essere travolta dai vortici di violenza efferata delle corporazioni mafiose della droga . Nel documentario, la musica struggente e allegra dei corridos spezza la tragicità dei dialoghi costruiti su testimonianze, documenti d’archivio, interviste a studiosi, funzionari e personalità del governo messicano.

indietro

Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema - Credits