Home Storia Notiziario Iniziative Info Link Ingrandisci il testo
Associazione
Museo Nazionale
del Cinema

Amici della Fondazione
Maria Adriana Prolo
Via Montebello 22
10124 Torino
T + 39 011 0765039
M + 39 347 5646645
F + 39 011 4377134
info@amnc.it
www.amnc.it

Progetti on line
Torino Città del Cinema / Enciclopedia del Cinema in Piemonte

News - 30.07.2011 indietro
Coredo (TN), 17 Agosto 2011, In bilico tra Paura e Poesia - Cinema e Stregoneria

L'Associazione Museo Nazionale del Cinema
è lieta di collaborare alla manifestazione
cinematografica

"In bilico tra Paura e Poesia - Cinema e Stregoneria"

Mercoledì 17 Agosto 2011
presso il Comune di Coredo (TN)

"Dream 'n' Fear" (Italia, 2011, 5')
Regia di Michele Bellio. Musiche di Massimo Faes.
Coreografie a cura di Erica Anna Lusso.

"I meccanismi della paura sono elementari. Si ripetono costanti negli alti e bassi dell'esistenza. Spesso assumono i contorni indistinti di un sogno. Come la danza. La danza libera la componente onirica di ognuno. Si tratta, forse, dell'unica vera arma in grado di contrapporre il sogno alla paura: "Dream 'n' Fear". Michele Bellio

a seguire

"La Maschera del Demonio" (Italia, 1960, 84')
Regia di Mario Bava. Con Barbara Steele, John Richardson, Andrea Checchi. Tratto dal racconto "Il Vij" di Nikolaj Gogol.
Copia restaurata in 35 mm gentilmente concessa dalla Cineteca della Fondazione Maria Adriana Prolo - Museo Nazionale del Cinema.

Il più grande film horror italiano di tutti i tempi presentato nello splendore della pellicola, in un'edizione meravigliosamente restaurata. L'ammaliante performance di Barbara Steele, le straordinarie scenografie, l'uso contrastato della luce, i complessi ed ancora oggi stupefacenti effetti speciali, ne fanno una pietra miliare del cinema internazionale.
E la storia della strega Asa, riportata in vita nelle steppe russe, ci accompagnerà in questo magico ed affascinante viaggio nelle terre della paura...

"Un film dove il desiderio è l'altra faccia della paura. Il talento di Bava sta nel raccontare questa storia con uno stile sontuoso e innovativo. Gli effetti speciali sono necessari tanto quanto i prodigiosi carrelli della macchina da presa. Anziché essere uno sterile esercizio formalista, sono lo strumento con cui noi spettatori entriamo in un mondo fatato ed inquietante: tanto affascinante quanto pericoloso". Paolo Mereghetti

indietro

Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema - Credits