Home Storia Notiziario Iniziative Info Link Ingrandisci il testo
Associazione
Museo Nazionale
del Cinema

Amici della Fondazione
Maria Adriana Prolo
Via Montebello 22
10124 Torino
T + 39 011 0765039
M + 39 347 5646645
F + 39 011 4377134
info@amnc.it
www.amnc.it

Progetti on line
Torino Città del Cinema / Enciclopedia del Cinema in Piemonte

News - 02.05.2012 indietro
CENTENARIO DOCKS DORA a cura del SAL - dal 4 al 6 Maggio 2012

CENTENARIO DOCKS DORA - dal 4 al 6 Maggio 2012
Un ciclo di eventi a cura del SAL - SpazioAdLibitum
Inaugurazione: 4 maggio 2012 ore 18.30 Via Valprato 68,
ex magazzini Docks Dora

Inaugura venerdì 4 maggio il Centenario Docks Dora, primo appuntamento
organizzato dal SAL - SpazioAdLibitum in occasione delle celebrazioni dei 100
anni dei Docks Dora di Torino proposte dall'associazione Neks con il progetto
espositivo Docks912 curato da Francesco Poli e Michele Bramante. Grazie alla
partecipazione di ospiti provenienti dal mondo delle arti contemporanee
(artisti, musicisti, critici, curatori e storici dell'arte) il Centenario si
configura come una piattaforma di confronto, di scambio e di riflessione
aperta a tutti gli addetti ai lavori e agli appassionati d'arte e cultura. Il
Centenario consiste in tre giorni di incontri - venerdì 4, sabato 5 e domenica
6 maggio - articolati nell'arco di tutta la giornata con una rassegna di
videoarte, dibattiti su temi dell'arte contemporanea quali arte
al femminile e nuove tecnologie, una mostra collettiva e una serata di
musica elettronica sperimentale. L'intenzione è quella di celebrare un
anniversario importante per un luogo di scambio creativo e vitale che ha
saputo reinventarsi nel tempo, e fare di questa occasione il punto di partenza
per i progetti futuri dello SpazioAdLibitum.

In particolare segnaliamo l'appuntamento di Sabato 5 Maggio alle 18,00

NUOVE OPPORTUNITA' DI CREAZIONE NELL'ERA DIGITALE

La rivoluzione digitale sta modificando profondamente ogni componente delle
nostra vita relazionale e ogni ambito delle nostre attività. Questa
rivoluzione in atto coinvolge dunque anche lo scenario della creatività e
della produzione artistica. Il cambiamento tocca ogni cosa, dalla creazione
alla distribuzione, dall'artista al consumatore. Una nuova generazione di
artisti sta emergendo, con nuovi punti di riferimento e nuovi strumenti. Non
si impara più - o meglio, non solo - nelle scuole specializzate, ma sui siti,
tramite le discussioni dei forum, e facendo pratica sul campo. La
collaborazione ha soppiantato la gerarchia, il digitale l'analogico.

Negli ultimi dieci anni la rivoluzione digitale ha scatenato la creatività
delle persone in un modo senza precedenti. Gli artisti hanno sempre più il
controllo sul proprio modo di creare e questo aumenta a dismisura le capacità
espressive. Questa è un'era in cui chi "fa arte" ha un enorme potere e può far
sentire forte la propria voce. Ma, insieme all'onda di entusiasmo dei giovani creatori, sono sorte delle questioni da affrontare riguardo alla qualità del prodotto artistico.

Come analizzato nel documentario "PressPausePlay" di David Dworsky e Victor Köhler, la domanda che sorge spontanea è se questa democratizzazione degli strumenti di produzione e diffusione significhi arte, film, musica e letteratura
migliori o se il vero talento venga in questo modo sommerso e si perda nel
vasto oceano digitale della cultura di massa. Ci si chiede se, in misura
direttamente proporzionale all'offerta artistica, non sia dunque anche la
mediocrità ad aumentare e in quale modo possa essere filtrata. Ci si chiede in
cosa è cambiato il rapporto tra l'artista, il suo prodotto e il consumatore,
se si sia un po' perso il collegamento tra questi e se si debbano inventare
nuove forme di connessione. Inoltre, essendo aumentate non solo la possibilità
di creare ma di conseguenza anche la partecipazione critica del consumatore e
la condivisione culturale, come quest'ultimo possa interagire con gli artisti
ed influenzare il processo artistico.

Per approfondire l'argomento si è pensato di sviluppare un dibattito sul tema,
sabato 5 maggio, dalle 18 alle 20, presso lo Spazio Ad Libitum nei Docks Dora
di Torino - in occasione dei 100 anni dalla loro creazione - a cui prenderanno
parte diverse personalità che si occupano e fanno arte sfruttando ed
esplorando le nuove possibilità tecniche e comunicative ora a disposizione di
tutti. Verranno forniti differenti punti di vista ed esposti dubbi e
perplessità che ogni innovazione porta irrimediabilmente con sé.

Ospiti del dibattito, a cura di Carolina Dei Pieri di SAL e Marco Mastino
dell'Associazione Museo Nazionale del Cinema, saranno Alessandro Amaducci,
videomaker e professore al DAMS di Torino, Inlandempire Project, Sandro
Carnino, regista, Francesca Cirilli, fotografa, Martina Coletti, curatrice,
Irene Dionisio, filosofa e videoartista, e Simona Lodi, critico d'arte e
curatrice. Modera Marco Mastino.

INFO:
spazioadlib@gmail.com - http://spazioadlibitum.tumblr.com/

indietro

Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema - Credits