Home Storia Notiziario Iniziative Info Link Ingrandisci il testo
Associazione
Museo Nazionale
del Cinema

Amici della Fondazione
Maria Adriana Prolo
Via Montebello 22
10124 Torino
T + 39 011 0765039
M + 39 347 5646645
F + 39 011 4377134
info@amnc.it
www.amnc.it

Progetti on line
Torino Città del Cinema / Enciclopedia del Cinema in Piemonte

News - 08.10.2012 indietro
Aspettando il Cecchi Cinema - "La morte del Cavallo" - Mercoledì 10 Ottobre alle ore 18,00

"Aspettando il Cecchi Cinema"

Mercoledì 10 Ottobre 2012 alle ore 18,00, presso il Cecchi Point - Hub Multiculturale (Via Antonio Cecchi, 17) sarà presentato per la prima volta a Torino il film LA MORTE DEL CAVALLO (“Vdekja e Kalit”, Albania, 1995) del regista albanese Saimir Kumbaro. La proiezione del film, ad ingresso libero, sarà accompagnata dall’incontro con l’attrice protagonista Rajmonda Bulku, uno dei volti più noti e più amati del cinema albanese. All’incontro interverrano anche Benko Gjata, giornalista e presidente del Centro di Cultura Albanese, Sergio Fergnachino di Videocommunity e Vittorio Sclaverani coordinatori del Cecchi Cinema.

L’evento, organizzato dal Centro di Cultura Albanese in collaborazione con Videocommunity e l'Associazione Museo Nazionale del Cinema, è stato realizzato con il patrocinio del Consolato Onorario della Repubblica d’Albania a Torino.

- Rajmonda Bulku
E’ uno dei volti più noti del cinema albanese, protagonista di tanti film di assoluto successo, amati dal grande pubblico in Albania e non solo. Negli ultimi anni, oltre alla passione di sempre per l’arte cinematografica ha intrapreso anche la carriera politica venendo eletta più volte al parlamento albanese, dove porta avanti le istanze del mondo dell’arte e della cultura.

- "La morte del cavallo"
Realizzato all’inizio degli anni ’90, in un Albania che scopriva giorno dopo giorno i crimini e gli orrori del periodo comunista, il film si Saimir Kumbaro racconta la storia toccante di un ufficiale del esercito, - appassionato del suo lavoro di addestratore di cavalli di razza, - che viene “colpito” in seguito all’identificazione e successiva distruzione di una presunta rete di sabotatori e spie al soldo di potenze straniere. Il film è una profonda riflessione sui crimini senza senso del comunismo e della loro sostanziale impunità, anche dopo il crollo del regime. Nei ruoli principali gli attori Rajmonda Bulku e Timo Flloko, due degli interpreti più importanti del cinema albanese.

- Il Centro di Cultura Albanese
Fondato da un gruppo di intelletuali, artisti ed operatori della cultura e del terzo settore, il Centro di Cultura Albanese si propone di diffondere in Italia la conoscenza della storia e della cultura dell’Albania, favorire l’integrazione della comunità albanese e promuovere lo sviluppo delle relazioni culturali, sociali ed istituzionali tra i due paesi. Nato dalla volontà di mettere in comune le risorse e l’esperienza pluriennale di diversi partner, il Centro è attualmente presente con proprie sedi in Piemonte e Lombardia, ma svolge la sua attività anche in altre parti del territorio nazionale, sempre in collaborazione e con il sostegno delle collettività locali. Nello svolgimento della propria attività, il Centro, - che beneficia del supporto e della collaborazione di diverse organizzazioni, pubbliche e private, in Italia e in Albania, – si avvale del coinvolgimento attivo di rappresentanti di spicco del mondo accademico, culturale e letterario albanese e del lavoro di decine di volontari.

indietro

Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema - Credits