Home Storia Notiziario Iniziative Info Link Ingrandisci il testo
Associazione
Museo Nazionale
del Cinema

Amici della Fondazione
Maria Adriana Prolo
Via Montebello 22
10124 Torino
T + 39 011 0765039
M + 39 347 5646645
F + 39 011 4377134
info@amnc.it
www.amnc.it

Progetti on line
Torino Città del Cinema / Enciclopedia del Cinema in Piemonte

News - 11.05.2013 indietro
ALBERTO SIGNETTO: sopralluoghi di sopralluoghi - Mercoledì 15 Maggio al Cecchi Point

ALBERTO SIGNETTO: sopralluoghi di sopralluoghi
quarto appuntamento con Il cinema che gira intorno

Mercoledì 15 Maggio 2013
Cecchi Point – Via Antonio Cecchi 17, Torino
ore 18,00 Workshop ad ingresso libero
ore 20,00 aperitivo con i 100 Autori; ore 21,00 proiezioni - ingresso 3,50 €

L’Associazione 100autori Piemonte in collaborazione con Videocommunity e l'Associazione Museo Nazionale del Cinema organizzano il quarto appuntamento della rassegna Il Cinema che gira intorno, mercoledì 15 Maggio 2013 presso il Cecchi Point – Hub Multiculturale alle ore 21,00, ingresso a 3,50 euro: un ciclo di incontri e proiezioni per conoscere da vicino gli autori del cinema documentario che si realizza sul nostro territorio e che non sempre ha accesso alle sale, ma che ottiene riconoscimenti e attenzione nei festival internazionali. Al termine del workshop, alle ore 20,00, ci sarà un aperitivo con i 100 Autori.

L'appuntamento di Maggio è dedicato al cinema di Alberto Signetto, filmaker ostinato, artista rigoroso e intellettuale ironico; proprio dal titolo di uno dei suoi primi film, Sympathy for the Rolling, ha preso ispirazione una serata a lui dedicata lo scorso febbraio all'Hiroshima, che ha visto la partecipazione affettuosa di oltre trecento amici, tra i quali i nomi più noti della scena musicale torinese. Tra i tanti lavori realizzati da Signetto, si può cominciare dal suo approccio al set nel 1979 con la partecipazione al film di Jean-Marie Straub e Danièle Huillet Dalla nube alla resistenza, esperienza che ripeterà con Jean Rouch sul set del film L’Enigma. A seguire, il già citato Sympathy for the Rolling (1982), Righeira Rap (1983) uno speciale musicale con i Righeira; Architetture Olivettiane a Ivrea (1999) dedicato alla città-laboratorio di Ivrea a partire dagli anni ’50; Conversazioni con Robert Kramer (1998) viaggio tra Torino, Locarno e Parigi insieme al regista culto del cinema indipendente americano; Venti anni prima, i cieli della Grecia e Anghelopoulos Backstage (2004/2005) un ritorno nei luoghi in cui Theo Anghelopoulos sta girando il suo ultimo film per ritrovare un antico maestro, dopo essere stato suo assistente nel 1980 sul set del film O Megaléxandros; Nella pancia del piroscafo (2005) in cui si ripercorre il viaggio di tanti piemontesi verso l’Argentina, dove anche la sua famiglia emigrò e dove Signetto nacque nel 1954; Passi di frontiera (2009) ricostruzione delle vicende partigiane legate al patto di Saretto nel 1944; temi che si ritrovano in Confini contesi (2012) sulla situazione del confine tra Francia e Italia sulle Alpi Occidentali alla fine della seconda guerra mondiale. In occasione delle ultime celebrazioni del 25 Aprile ha presentato Cime e Valli della 17a, sull’azione della 17a Brigata Garibaldi “Felice Cima”, operante intorno al Col del Lys. La proiezione sarà preceduta alle ore 18,00 da un incontro di approfondimento, aperto al pubblico a ingresso libero, con la partecipazione di professionisti del settore e con il diretto coinvolgimento dell'autore.

Alberto Signetto dialogherà con gli autori Marilena Moretti, Alessandro Castelletto, Giacomo Ferrante e con Emanuele Tealdi dell'Associazione Museo Nazionale del Cinema che scrive: Sopralluoghi di sopralluoghi chiarisce lucidamente la filosofia del cinema di Alberto Signetto. Il sopralluogo – nella sua doppia accezione geografica e intellettuale - è un momento cruciale e decisivo del cinema e soprattutto del documentario, del suo profondo legame con la realtà, del suo modificarla, plasmarla e trasformarla. Il sopralluogo è la dimensione della ricerca e del pensiero che si fanno cinema, è un cortocircuito con lo spazio e con il tempo per restituirci una verità altrimenti inintelligibile. È quindi per il cineasta un imprescindibile eterno ritorno su questo spazio fisico (Anghelopoulos Backstage) o metafisico (Earth Men Lake o il più antico e meno conosciuto Omaggio a Raul Ruiz, altro maestro riconosciuto). Ma tra questi sopralluoghi di Alberto c’è anche posto per la dimensione più lirica, intima e personale della sua poetica, come dimostrano Être en train e soprattutto il pregevolissimo gioiello di visionarietà Weltgenie, video-poesia tratta da “Turin” di Gottfried Benn, che racconta la follia di Nietzsche, esplicitatasi proprio in via Po a Torino nel 1888.


L'autore

Alberto Signetto – a.k.a. RED RHINO - nato nel 1954 a Cordoba, in Argentina, si occupa di cinema e comunicazione dal 1970. E' tra i fondatori della cooperativa ARTKINO (distribuzione cinematografica di qualità: Wenders, Laing, Wajda, Sanders, etc.) e diventa il responsabile del settore cinema, teatro e comunicazione della libreria COMUNARDI. Lavora come regista dal 1982. Nel 1984 fonda, con altri, la società di produzione cinematografica e televisiva ROSEBUD COMPANY s.r.l. Dal 1992 collabora con la cooperativa INDEX e dal 2003 con l’Associazione KINOETIKA e con la sua RED RHINO PRODUCTIONS.

Il quinto appuntamento della rassegna Il cinema che gira intorno, in programma mercoledì 12 Giugno al Cecchi Point, sarà dedicato a Matteo Bellizzi e al progetto DocuSound – audioracconto della città ( www.docusound.it ).

Per maggiori informazioni:

Videocommunity: cinema@cecchipoint.it – www.cecchipoint.it
Ass. Museo Nazionale del Cinema: info@amnc.it – www.amnc.it - 347 56 46 645 100autori Piemonte: autoritorinopiemonte@gmail.com – www.100autori.it

indietro

Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema - Credits