Home Storia Notiziario Iniziative Info Link Ingrandisci il testo
Associazione
Museo Nazionale
del Cinema

Amici della Fondazione
Maria Adriana Prolo
Via Montebello 22
10124 Torino
T + 39 011 0765039
M + 39 347 5646645
F + 39 011 4377134
info@amnc.it
www.amnc.it

Progetti on line
Torino Città del Cinema / Enciclopedia del Cinema in Piemonte

News - 29.05.2013 indietro
I vincitori di Lavori in Corto 2013

Ecco i vincitori e le motivazioni per la seconda edizione di LAVORI IN CORTO, scelti dalla giuria composta da Claudio Coloberti (Presidente), Alberto Signetto, Giustina Iannelli, Wolfango Coppola, Massimiliano Quirico (Premio "Sicurezza e Lavoro") e Ugo Gherner.

1° Premio (1.000 euro) a "La casa è di chi la abita" di Cecilia Rubiolo

Per la scelta di affidare a un gruppo di bambini direttamente coinvolti nel problema della casa la narrazione di un'esperienza che, senza tralasciare gli aspetti più direttamente sociali e politici del problema, ne evidenzia un punto di vista di solito poco considerato che dimostra come problemi di questo tipo siano diventati purtroppo parte integrante e "naturale" della formazione e della esperienza di vita di soggetti che in teoria non dovrebbero esserne coinvolti, e inoltre, dal punto di vista del linguaggio, per l’utilizzo efficace e coinvolgente di differenti tecniche narrative.

Premio "Una casa senza lavoro" (300 euro) a "Si può entrare?...Siamo profughi" di Davide Lessi e Matteo Corgnati

Per aver affrontato, senza nascondersi le difficoltà, l'altro aspetto dell’emergenza abitativa, quello legato al flusso di migranti e profughi provenienti da situazioni di guerra: due esperienze - Biella e Torino - che attraverso coinvolgimenti di privati, di associazioni e di istituzioni affrontano anche con momenti conflittuali l'urgenza e l'esigenza di stabilità della sistemazione di questi gruppi nel tessuto della città.

Premio Film Commission Torino Piemonte (utilizzo di 1 modulo del Sede di Via Cagliari 42 per una settimana): ex aequo

a "Solide realtà" di Anna Cordioli e Stefano Bertolino

Per la notevole capacità di sintetizzare simbolicamente il problema oggetto del concorso, ricorrendo senza eccessivi compiacimenti estetici alle più moderne tecniche di comunicazione e dimostrandone il possibile uso non solo in funzione commerciale.

e a "Art.34: Verdi 15" di Emanuele Marchetto e Ruggero Alfano

Per il racconto chiaro e conciso - attraverso le testimonianze dirette e le immagini di cronaca dell’esperienza della residenza universitaria di via Verdi a Torino - di un altro degli aspetti dell’emergenza abitativa, direttamente legato al problema del diritto allo studio per tutti, di ogni fascia sociale, italiani e stranieri.

Menzione speciale a "Via casa comunale n.1" di Irene Pepe e Eugenio Buson

Per l'approccio notturno e poetico e per la scelta dell'assenza di parole per sottolineare la contrapposizione stridente tra le due città, simboleggiati dalla zona dove è concentrato il potere amministrativo.

indietro

Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema - Credits