Home Storia Notiziario Iniziative Info Link Ingrandisci il testo
Associazione
Museo Nazionale
del Cinema

Amici della Fondazione
Maria Adriana Prolo
Via Montebello 22
10124 Torino
T + 39 011 0765039
M + 39 347 5646645
F + 39 011 4377134
info@amnc.it
www.amnc.it

Progetti on line
Torino Città del Cinema / Enciclopedia del Cinema in Piemonte

News - 10.03.2014 indietro
MOVING IMAGES/MOVING NOTES Mercoledì 19 marzo al Cecchi Point

MOVING IMAGES/MOVING NOTES

Mercoledì 19 marzo 2014 ore 21,00

Cecchi Point – Hub Multiculturale

Via Antonio Cecchi 17, Torino

Ingresso libero – Up to You

Nell’ambito della programmazione cinematografica del Cecchi Point – Hub Multiculturale curata dall’Associazione Museo Nazionale del Cinema e da Videocommunity, mercoledì 19 marzo alle ore 21,00 è in cartellone lo spettacolo "Moving images/Moving notes" in cui tre diverse forme d’arte – cinema, musica e fotografia – dialogheranno e s’intrecceranno per suggestionare gli spettatori. L’ingresso è libero con la possibilità di fare un’offerta up to you.

Le canzoni degli OctoSide, duo torinese acoustic rock con un orecchio al folk e al cantautorato, sonorizzeranno una selezione di scene da capolavori del cinema muto curata da Alessio Vacchi; sullo schermo del Cecchi Point si rivedranno immagini da "La Chute de la Maison Usher" di Jean Epstein (1928), "Queen Kelly" di Eric von Stroheim (1928) e "Seven Chances" di Buster Keaton (1925). La performance proseguirà con un tributo agli artisti a cui gli OctoSide maggiormente si ispirano (Nick Cave & the Bad Seeds, PJ Harvey, Florence + the Machine) che accompagnerà un percorso nella fotografia di un tempo rigorosamente in seppia o bianco e nero. Un viaggio tra immagini del passato e sonorità cupe con un tocco di vintage che non mancherà di stimolare l’immaginario audiovisivo del pubblico. La serata si aprirà con un concerto in versione acustica dei White Russian e gli Uncademy, con cui spesso gli OctoSide condividono palco e progettualità.

Gli OctoSide dichiarano:”Il nostro genere si potrebbe definire come un alternative rock acustico, con un pizzico di folk e un orecchio al piano-rock. Le nostre canzoni sono storie strane e un po’ cupe e ci definiamo “Creepy Storytellers”; ma senza esagerare! Ci piace metterci ironia e non prenderci troppo sul serio. L’immaginario di Tim Burton insegna che una storia può essere al contempo commovente ed allegra, macabra e buffa, e sono questi sentimenti e sensazioni che vogliamo trasmettere a chi ci ascolta.”

Per maggiori informazioni: www.cecchipoint.it - cinema@cecchipoint.it – 347 56 46 645

indietro

Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema - Credits