Home Storia Notiziario Iniziative Info Link Ingrandisci il testo
Associazione
Museo Nazionale
del Cinema

Amici della Fondazione
Maria Adriana Prolo
Via Montebello 22
10124 Torino
T + 39 011 0765039
M + 39 347 5646645
F + 39 011 4377134
info@amnc.it
www.amnc.it

Progetti on line
Torino Città del Cinema / Enciclopedia del Cinema in Piemonte

News - 20.01.2014 indietro
Tour della Memoria 2015 “Il Rosa Nudo” di Giovanni Coda il 26 gennaio al Cecchi Point

Lunedì 26 Gennaio 2015 – Ore 21,00
presso il Cecchi Point – Via Antonio Cecchi 17/21, Torino

Serata organizzata dal Comitato Torino Pride in collaborazione con Torino Gay & Lesbian Film Festival, Videocommunity, Associazione Museo Nazionale del Cinema e Cecchi Point – Hub Multiculturale

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili in sala

Anche Torino nel Tour della Memoria 2015 con la proiezione del film "Il Rosa Nudo" di Giovanni Coda. "Il Rosa Nudo", presentato in anteprima mondiale al TGLFF 2013 e reduce dalle ultime vittorie di Melbourne, Columbus, Jakarta e ultimamente vincitore del premio miglior film al Festival di Napoli Omovies si ispira alla figura del deportato francese Pierre Seel. L’omaggio che stiamo rendendo alla figura di quest’uomo vittima dell’omocausto rappresenta un grande esempio di celebrazione della memoria di uno dei tanti eroi dimenticati del secolo scorso che sacrificando la loro liberta e talvolta la loro stessa vita, hanno permesso a noi di proseguire in questa grande battaglia di civiltà, indicandoci la via per la realizzazione di un modo nel quale i diritti umani e la giustizia sociale saranno finalmente il perno della vita democratica. "Il Rosa Nudo" è un lavoro di cinematografia sperimentale ispirato alla vita di Pierre Seel ed alla autobiografia scritta in collaborazione con Jean Le Bitoux, che a sua volta è stato uno dei più importanti attivisti per i diritti GLBT in Francia e in Europa. Questo toccante testo letterario non è stato mai tradotto in italiano. Parlare della vicenda traumatica di Seel, significa rimarcare gli orrori compiuti dai nazisti anche nei confronti di chi era schedato come omosessuale. "Il Rosa Nudo" si concentra soprattutto su un episodio doloroso e terribile che segnerà per tutta la vita l’emotività di Seel che, all’epoca dell’internamento, aveva solo diciassette anni. Deportato nel campo di Schimerck, assisterà all’atroce morte del suo compagno. Per maggiori informazioni scrivere a: cinema@cecchipoint.it

indietro

Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema - Credits