Home Storia Notiziario Iniziative Info Link Ingrandisci il testo
Associazione
Museo Nazionale
del Cinema

Amici della Fondazione
Maria Adriana Prolo
Via Montebello 22
10124 Torino
T + 39 011 0765039
M + 39 347 5646645
F + 39 011 4377134
info@amnc.it
www.amnc.it

Progetti on line
Torino Città del Cinema / Enciclopedia del Cinema in Piemonte

News - 29.04.2015 indietro
“Walking with Red Rhino” per CINETICA da lunedì 4 Maggio @Torino

"Walking with Red Rhino – A spasso con Alberto Signetto" di Marilena Moretti

per CINETICA la nuova rete delle sale indipendenti

da lunedì 4 Maggio 2015 ore 21,00 @Torino

CineTeatro Baretti – Cecchi Point – Sala Gabriella Poli – CSSR

Ingresso 3,50 € – ridotto 2,50 € (under 25, over 65)

La programmazione di CINETICA prosegue nel mese di Maggio con la programmazione di "Walking with Red Rhino – A spasso con Alberto Signetto" di Marilena Moretti (2014, 109′) prodotto dalla Rossofuoco di Davide Ferrario e realizzato con il sostegno del Piemonte Doc Film Fund. L’autrice e Alessandro Signetto accompagneranno il film lunedì 4 Maggio ore 21,00 al CineTeatro Baretti dove sarà presente anche il produttore Davide Ferrario, mercoledì 6 ore 21,00 al Cecchi Point e venerdì 8 alle ore 21,00 presso la Sala Gabriella Poli del Centro Studi Sereno Regis; l’ingresso intero è di 3,50 Euro il ridotto di 2,50 Euro (under 25 e over 65). Il documentario presentato in anteprima all’ultima edizione del TFF, reduce da diverse proiezioni in Italia tra cui alla Casa del Cinema di Roma, al Bergamo Film Meeting e allo Skepto International Film Festival di Cagliari, torna nella città a cui era più legato Alberto Signetto, per tutti il Red Rhino, che amava dire: "Mi riconosco in questo animale cocciuto, grosso, ingombrante e poco addomesticabile, infido… Ogni tanto il rinoceronte dà la carica alla jeep dei bianchi, anche se la jeep è più grossa, sapendo benissimo di perdere." Artista rigoroso, filmmaker ostinato, intellettuale libero. Questo era Alberto Signetto, scomparso nel gennaio 2014, che per tutta la vita ha dovuto fare i conti con la mancanza di risorse, la precarietà, le difficoltà di fare un cinema fuori dalle regole del mercato. Rivendicando orgogliosamente la sua coerenza. Fino alla fine lucido, ironico, non allineato. La sua storia riguarda tutti coloro che fanno cinema (e arte) indipendente, senza tradire se stessi.

"Conoscevo Alberto Signetto da sempre, avevamo cominciato insieme a lavorare come registi in Rai, nei primi anni ’80. Lui irruente, creativo, debordante. Un affabulatore. Simpatico, ironico. Un cinefilo accanito, un appassionato di Godard, della Nouvelle Vague francese e del cinema underground americano. Un esperto di musica rock e un lettore onnivoro. Mentre io mi occupavo di programmi di intrattenimento, lui esordiva filmando i Rolling Stones durante la loro tournée italiana, nel 1982. Ma prima era già stato assistente di Theo Angelopoulos e di Jean-Marie Straub. E in seguito avrebbe lavorato con Robert Kramer, Jean Rouch, Raoul Ruiz… Mentre io me ne andavo a Roma come tanti, inseguendo “la carriera”, lui decideva di restare a Torino. Nel marzo del 2010 l’ho ritrovato grazie ad un omaggio che Piemonte Movie gli aveva dedicato. Io ero in sala. Lui ha preso la parola e, in una sorta di pubblica confessione, ha dichiarato di sentirsi “stremato” per quella lunga lotta contro il mondo. Si è messo a nudo, con una sincerità quasi imbarazzante. Avrei voluto abbracciarlo. Quella sera l’ho riscoperto, come persona e come artista. E ho capito il prezzo altissimo pagato per la sua coerenza. Nei suoi lavori c’è il segno dell’originalità e della genialità. In tutti gli anni in cui io ho lavorato in televisione, lui ha sempre continuato con ostinazione a “fare il suo cinema”, ottenendo apprezzamenti nei festival internazionali. Eppure in Italia era pressoché uno sconosciuto. Quella sera ho sentito che Alberto meritava un risarcimento, anche da parte mia per averlo sottovalutato. Chi dei due aveva fallito? Lui, rimasto fedele alla sua vocazione, o io che l’avevo smarrita per strada? Quella sera ho deciso che “dovevo” far sentire la sua voce e mostrare il suo coraggio. Dovevo portare una luce in quel buio che lo stava inghiottendo, nel disastro dove stava precipitando… Restituire memoria di lui e della sua arte è il mio modo di chiedergli scusa." Marilena Moretti

CINETICA è un progetto nato con lo scopo di diffondere il cinema documentario di qualità, rendendolo sempre più vicino e a disposizione del pubblico cinematografico e della cittadinanza. Il CineTeatro Baretti, il Cecchi Point e la Sala Gabriella Poli del Centro Studi Sereno Regis, contesti culturali da tempo dedicati alla promozione del cinema indipendente, uniscono le loro idee e forze per raggiungere le sinergie derivanti da una collaborazione sostenibile per una distribuzione diffusa del cinema del reale a Torino. Il lavoro di rete consente prezzi vantaggiosi nei confronti delle produzioni ospitate e permette contestualmente di mantenere biglietti accessibili a tutti. I promotori credono nell’attenzione e nella disponibilità da parte del pubblico torinese ad accogliere questo progetto e fare passaparola perché da sempre è lo strumento più valido per far conoscere opere giovani, indipendenti e creative che, per problemi legati alla distribuzione, hanno poca visibilità. CINETICA è un progetto curato e condiviso da: Associazione Baretti, Associazione Museo Nazionale del Cinema, Associazione Videocommunity, Centro Studi Sereno Regis, Associazione B-sight e Giovaninrete che proporrà attività e proiezioni gratuite e complementari al programma. Tutte le novità e gli aggiornamenti sulle attività di CINETICA si potranno leggere sull’Agenda del Cinema a Torino (www.agendacinematorino.it/), media partner del progetto insieme a CinemaItaliano.info (http://cinemaitaliano.info/)

Per maggiori info: http://www.cineteatrobaretti.it/cinetica/ – cinema@cecchipoint.it – 3475646645

L’autrice

Marilena Moretti, torinese, a partire dagli anni ’80 ha lavorato come regista e autrice televisiva per Rai e Mediaset. Ha collaborato come giornalista per La Stampa e come copywriter per la pubblicità. Ha scritto racconti e sceneggiati per Radio Rai. Ha realizzato documentari e cortometraggi, con i quali ha partecipato a vari festival, tra cui Cinema Giovani di Torino (1991), Film Festival di Edimburgo (1991), Film Festival di Bellaria (2006), Festival dei Popoli di Firenze (2007), Piemonte Movie (2009), Roma Fiction Fest (2009), Torino Film Festival (2014). Ultimi lavori: nel 2006 il documentario "La rivoluzione non è una cosa seria" sugli anni ’70, prodotto da Bianca Film e dall’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico; nel 2007 il romanzo "Dal basso dei cieli", scritto con Peppo Parolini, edito da Baldini Castoldi Dalai; nel 2009 il documentario "Dal basso dei cieli", omaggio alla Torino underground e all’artista Peppo Parolini, prodotto in collaborazione con Zenit Arti Audiovisive; nel 2014 il documentario "Walking with Red Rhino".

Calendario delle proiezioni di "Walking with Red Rhino – A spasso con Alberto Signetto" di Marilena Moretti (2014, 109′). Tariffe: intero 3,50 €, ridotto 2,50 € (under 25, over 65):

- Lunedì 4 Maggio, ore 21,00, CineTeatro Baretti

Via Baretti 4, Torino – http://www.cineteatrobaretti.it/

- Mercoledì 6 Maggio, ore 21,00, Cecchi Point – Hub Multiculturale

Via Cecchi 17/21, Torino http://www.cecchipoint.it/

- Venerdì 8 Maggio, ore 21,00, Centro Studi Sereno Regis, Sala Gabriella Poli

Via Garibaldi 13, Torino – http://serenoregis.org/



Gli ultimi appuntamenti con CINETICA sono fissati:

- Venerdì 22 Maggio, ore 21,00, CineTeatro Baretti

"La partita della morte" (2012, 117′) di Andrey Malyukov


- Giovedì 28 Maggio, ore 21,00, Cecchi Point – Hub Multiculturale

"La malattia del desiderio" (2014, 57′) di Claudia Brignone

indietro

Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema - Credits