Home Storia Notiziario Iniziative Info Link Ingrandisci il testo
Associazione
Museo Nazionale
del Cinema

Amici della Fondazione
Maria Adriana Prolo
Via Montebello 22
10124 Torino
T + 39 011 0765039
M + 39 347 5646645
F + 39 011 4377134
info@amnc.it
www.amnc.it

Progetti on line
Torino Città del Cinema / Enciclopedia del Cinema in Piemonte

News - 20.05.2015 indietro
“El lugar de las fresas” e anteprima “La malattia del desiderio” 27 e 28 Maggio @Cecchi Point per CINETICA

"El lugar de las fresas" di Maite Vitoria Daneris

e l’anteprima torinese de "La malattia del desiderio" di Claudia Brignone

chiudono la prima stagione di CINETICA

la nuova rete delle sale indipendenti

mercoledì 27 Maggio e giovedì 28 Maggio 2015 ore 21,00

Cecchi Point – Hub Multiculturale

Via Antonio Cecchi 17, Torino

Ingresso 5,00 – 3,50 – 2,50 Euro

La programmazione della prima stagione di CINETICA si conclude al femminile proiettando presso lo spazio del Cecchi Point – Hub Multiculturale (Via Antonio Cecchi 17/21, Torino) il pluripremiato "El lugar de las fresas" di Maite Vitoria Daneris (203, 90′) mercoledì 27 Maggio alle ore 21,00 (ingresso unico 5,00 Euro) e l’anteprima torinese del documentario "La malattia del desiderio" di Claudia Brignone (2014, 57′) giovedì 28 Maggio alle ore 21,00 (ingresso 3,50 Euro e ridotto 2,50 Euro (under 25 e over 65); a entrambe le proiezioni parteciperanno le registe.

"El Lugar de las Fresas – Il luogo delle fragole" è un film documentario realizzato tra il mercato di Porta Palazzo e San Mauro Torinese in un arco di tempo di sette anni; il documentario, presentato in anteprima al Torino Film Festival e programmato nell’ambito del programma ufficiale di Terra Madre 2014, racconta l’incontro tra un’anziana contadina piemontese e un giovane marocchino. "El Lugar de las Fresas" sarà proiettato nuovamente mercoledì 3 Giugno alle ore 21,00 sempre al Cecchi Point per una serata a sostegno di Emergency in cui sarà possibile partecipare ad un’apericena vegetariana dalle 19,30, con un contributo di 10 Euro, presso il Cecchimangia

"La malattia del desiderio" è stato girato a Napoli, nel quartiere di Fuorigrotta. Sullo sfondo c’è lo stadio San Paolo e la storica sede della Rai. Proprio sotto la curva A sorge il ser.t: servizio per le tossicodipendenze. In questo quartiere, che la domenica si popola di tifosi, c’è un luogo che custodisce le storie e le vite di medici e pazienti. Per più di due anni Claudia Brignone ha frequentato il ser.t ascoltando le voci di chi prova a uscire dalla “dipendenza”, definita dai medici “la malattia del desiderio”. Ognuno sembra avere la sua terapia, anche se spesso si rivela soltanto un tentativo. La proiezione è organizzata insieme allo Psicologia Film Festival e insieme all’autrice interverrà Micaela Veronesi dell’Associazione Museo Nazionale del Cinema. Il film, co-prodotto da Kino Produzioni, ha ricevuto la Menzione speciale della Giuria e il Premio Signum al Salina Doc Fest e il premio come Miglior documentario autoprodotto e il Premio FILMaP al Napoli Film Festival.

"Stavo lavorando a un video sul tema delle dipendenze per un esame universitario e la prima volta che sono entrata al Ser.t di Fuorigrotta ho avuto paura. Questa sensazione mi ha accompagnata fino a quando ho deciso che a tutte quelle storie e a quelle persone incontrate bisognava dare voce e dignità. Ho iniziato così a frequentare il Centro più assiduamente per comprendere dinamiche e relazioni che fino a quel momento erano, per me, totalmente sconosciute. La mia intenzione era raccontare il mondo della dipendenza dal punto di vista della cura. Non mi interessava andare nelle piazze di spaccio o nella cosiddetta “casa abbandonata” dove i ragazzi si “fanno”. Ho scelto quel luogo perché il bisogno di eroina, cocaina, alcool o anche il gioco d’azzardo, veniva paragonato a una malattia. Questo mio lavoro è un racconto corale. Il Ser.t, contenitore di storie e di vite, è il vero protagonista. E’ stato un periodo lungo e intenso, di conoscenza e di “ascolto”; tra la fase di ricerca e quella delle riprese sono trascorsi più di tre anni. Non sapevo quando avrei smesso di filmare, ne ho preso coscienza solo quando uno dei protagonisti è venuto a mancare. Da quel momento ho iniziato a costruire il senso del racconto con il materiale che avevo. La mia percezione di quel luogo e della dipendenza è cambiata radicalmente. Ora non ho più paura." Claudia Brignone

CINETICA è un progetto nato con lo scopo di diffondere il cinema documentario di qualità, rendendolo sempre più vicino e a disposizione del pubblico cinematografico e della cittadinanza. Il CineTeatro Baretti, il Cecchi Point e la Sala Gabriella Poli del Centro Studi Sereno Regis, contesti culturali da tempo dedicati alla promozione del cinema indipendente, uniscono le loro idee e forze per raggiungere le sinergie derivanti da una collaborazione sostenibile per una distribuzione diffusa del cinema del reale a Torino. Il lavoro di rete consente prezzi vantaggiosi nei confronti delle produzioni ospitate e permette contestualmente di mantenere biglietti accessibili a tutti. I promotori credono nell’attenzione e nella disponibilità da parte del pubblico torinese ad accogliere questo progetto e di fare passaparola perché da sempre è lo strumento più valido per far conoscere opere giovani, indipendenti e creative che, per problemi legati alla distribuzione, hanno poca visibilità. CINETICA è un progetto curato e condiviso da: Associazione Baretti, Associazione Museo Nazionale del Cinema, Associazione Videocommunity, Centro Studi Sereno Regis, Associazione B-sight e Giovaninrete che proporrà attività e proiezioni gratuite e complementari al programma. Tutte le novità e gli aggiornamenti sulle attività di CINETICA si potranno leggere sull’Agenda del Cinema a Torino (www.agendacinematorino.it/), media partner del progetto insieme a CinemaItaliano.info (http://cinemaitaliano.info/)

Per maggiori info: http://www.cecchipoint.it - cinema@cecchipoint.it – 3475646645


Le autrici

Maite Vitoria Daneris è produttrice indipendente, regista e autrice di film documentari. Nel 1998 ha inizio il suo percorso di studi nell’Accademia di Belle Arti di Madrid, dove si laurea specializzandosi in “Arti dell’immagine” concentrandosi soprattutto nella realizzazione di progetti nell’area della fotografia e del documentario. Nel 2005, appena laureatasi a Madrid, fa un viaggio a Torino dove decide di fermarsi colpita dal fermento creativo della città intorno al cinema. Comincia da quel momento a lavorare in diversi progetti documentari come regista e operatrice nell’ambito sociale e culturale a Torino, e come collaboratrice nell’ambiente dell’arte contemporanea. Nel 2006 viene premiata per il suo primo cortometraggio girato a Torino Oggi no ma domani si. E dal 2007 lavora al suo primo film lungometraggio documentario "El lugar de las fresas". Il film, terminato nel 2013, è stato presentato in anteprima mondiale nella sezione Italiana Doc nell’ambito del Torino Film Festival e vincendo due Premi: “UCCA – 20 città” e la menzione speciale per il Premio “Gli occhiali di Gandhi”. Nel 2014 ha vinto il premio come migliore documentario al festival Sguardi Altrove di Milano e il Gran Premio della Giuria ad Annecy Cinéma Italien.

Claudia Brignone è nata a Napoli nel 1985. Laureata in Scienze della Comunicazione ha frequentato nel 2009 il corso di Regia del Documentario all’Act Multimedia di Roma realizzando come lavoro di fine anno il corto Marcello parte del progetto collettivo dal titolo “Lavori in corso”. Successivamente partecipa al ConeroDocCampus (Workshop pratico con Pietro Marcello, Sara Fgaier, Tarek Benabdallah) e realizza il corto documentario "Wanda e Virginia". Ha lavorato come assistente di produzione al documentario "Il trasloco" di Luca Bellino e curato le ricerche di materiale d’archivio del film La Seconda natura di Marcello Sannino. Ha lavorato per due anni alla rassegna “Venezia a Napoli” e dal 2012 lavora al Festival Internazionale di Cinema e Diritti Umani di Buenos Aires, coordinando la delegazione italiana del festival ed un corso di fotografía e cinema nel carcere femminile di Buenos Aires. Assistente di produzione al progetto Kentannos di Victor Cruz. "La malattia del desiderio" è la sua prima opera.


Calendario delle proiezioni di:

- Mercoledì 27 Maggio, ore 21,00, Cecchi Point – Hub Multiculturale, Via Cecchi 17, Torino
"El lugar de las fresas" di Maite Vitoria Daneris (203, 90′)
Biglietto unico 5,00 €


- Giovedì 28 Maggio, ore 21,00, Cecchi Point – Hub Multiculturale, Via Cecchi 17, Torino
"La malattia del desiderio" di Claudia Brignone (2014, 57′)
Intero 3,50 €, ridotto 2,50 € (under 25, over 65)


- Mercoledì 3 Giugno, ore 21,00, Cecchi Point – Hub Multiculturale, Via Cecchi 17, Torino
Proiezione benefit per Emergency
"El lugar de las fresas" di Maite Vitoria Daneris (203, 90′)
Ingresso Up to You con la possibilità di fare apericena vegetariana dalle 19,30 al CecchiMangia a 10 €. Info e prenotazioni: prenotazioni@emergencypiemonte.it – 011 45 46 456 (mar/ven ore 14 – 19).

indietro

Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema - Credits