Home Storia Notiziario Iniziative Info Link Ingrandisci il testo
Associazione
Museo Nazionale
del Cinema

Amici della Fondazione
Maria Adriana Prolo
Via Montebello 22
10124 Torino
T + 39 011 0765039
M + 39 347 5646645
F + 39 011 4377134
info@amnc.it
www.amnc.it

Progetti on line
Torino Città del Cinema / Enciclopedia del Cinema in Piemonte

News - 25.05.2015 indietro
Ecco i vincitori di Lavori in Corto 2015 Sogni e bisogni delle nuove generazioni

Palmares Lavori in Corto 2015 – IV edizione

Sogni e bisogni delle nuove generazioni

La giuria presieduta dalla regista Irene Dionisio e composta da Daria Basso dell’Associazione Riccardo Braghin; Osvaldo Marini, attivo nel Collettivo Cinema Militante di Torino insieme ad Armando Ceste e da sempre nel documentario cinematografico come operatore, montatore e regista; Ugo Parenti, organizzatore del Movie Seminario sui disturbi dello spettro autistico a Montezemolo e animatore delle iniziative dello Gnomo ASPirino; Valentina Noya, ricercatrice visuale e facilitatrice di storie, cooperante internazionale e membro del consiglio direttivo di Antropocosmos; Murat Cinar, giornalista e film maker; Massimiliano Quirico, direttore della rivista nazionale “Sicurezza e Lavoro” ha assegnato i seguenti riconoscimenti:

PREMIO GENIUS LOCI assegnato dallo Staff di Lavori in corto (che consiste in tre tessere annuali per accesso al FabLab Pavone di via Bellezia)
Per pensare al margine come a un paesaggio di ricerca sulle ricchezze che nascono dall’incontro di ambienti differenti; per sperimentare l’imprecisione e la profondità; per il continuo lavoro di presenza, ascolto e formazione sul territorio della Città di Torino con la realtà di Videocommunity; il Premio speciale Genius Loci Lavori in Corto 2015 va a Indrit Metiku, autore di “Recupero”, Emanuele Marchetto e Alberto Nardin, autori di “Invano”.

MENZIONE SPECIALE DELLA GIURIA
Per la capacità di raccontare la labilità delle relazioni attraverso una rappresentazione postmoderna del conflitto amoroso, fatta di suoni senza parole, spazi lunghi e vuoti da significare con l’esperienza dello spettatore, la giuria assegna una menzione speciale a DOPO LA NOTTE, NOI di Simone Saponieri

MENZIONE SPECIALE
Per la spietata volontà di raccontare con uno stile crudo quanto visivamente seducente la moderna fiaba nera della transizione sessuale e di genere, attraverso due universi lividi e onirici che incrociano i propri cammini, la giuria assegna una menzione speciale a IMMAGINARE T di Naike Anna Silipo

MENZIONE SICUREZZA E LAVORO (che consiste in una pagina dedicata al documentario e alle tematiche trattate sulla rivista nazionale Sicurezza e Lavoro)
NON MI MUOVO, NUOVE GENERAZIONI DI IMPRENDITORI di Marco Cucciniello e Laura Caviglia
Per lo sguardo documentato, profondo e partecipe che si alterna con equilibrio nel racconto delle tre storie – due di città e una in campagna. Pur valutando con lucido disincanto le difficoltà oggettive e burocratiche, riesce a far emergere, non senza ironia, la capacità di resistere delle nuove generazioni dei piccoli imprenditori piemontesi.

PREMIO FABLAB PAVONE (due tessere annuali per accesso al FabLab Pavone di via Bellezia 19 a Torino e n. 10 ore di utilizzo stampante 3d (materiali inclusi)
WHAT WEEE ARE – WEEE CUTTER ANTS di Alessandra Turcato e Alessio De Marchi
Per la forza creativa che emerge dal cortometraggio, che mostrando il recupero di oggetti considerati rifiuti si fa metafora delle opportunità per le nuove generazioni di valorizzare le proprie risorse attraverso la creatività.

PREMIO “SOGNANDO UN LAVORO VERO” (300 Euro offerti da Sicurezza e Lavoro)
A KARMA CAPITALIST di Rosa Canosa
Un lavoro che racconta con efficacia e immediatezza la passione di chi vuole fare impresa – purtroppo in Germania – non solo per profitto, ma perché crede davvero in ciò che sta realizzando. E ci riesce. Grazie anche al crowdfunding, uno strumento ancora poco diffuso e visto con diffidenza in Italia. Il filmato di Rosa Canosa ci svela il mondo dei maker, dei moderni “artigiani digitali” e le potenzialità del riciclo e del ri-uso. Un segnale di speranza e di fiducia per quanti, nel nostro Paese, investono energie e risorse in lavori “non normali”, per seguire il proprio Karma.

PREMIO FILM COMMISSION (consistente nell’utilizzo di un modulo della sede di via Cagliari per una settimana)

La giuria assegna il Premio Film Commission ex aequo a BIEN FAIRE ET LAISSER DIRE di Paolo Giacobbe

Per la delicatezza con cui vengono affrontati dei temi così importanti in questo momento storico: la necessità di un contatto con la natura e la tradizione, il ritorno alla lentezza dei cicli naturali, il desiderio di una comunità lavorativa. Per la spiritualità del protagonista, esempio gentile di civiltà, captato con capacità dal regista e per la serenità che la narrazione trasmette attraverso il ritmo, l’utilizzo delle musiche e la semplicità delle immagini. Un esempio di “felice cinema artigiano”.

PREMIO FILM COMMISSION (consistente nell’utilizzo di un modulo della sede di via Cagliari per una settimana)
La giuria assegna il Premio Film Commission ex aequo a NICOLAE di Jean Claude Chincheré. Un lavoro realizzato con gusto estetico e tecnico molto elegante. Si legge un rapporto molto ben equilibrato tra le immagini, il suono e le parole del protagonista. Il ritmo che ne deriva rende concreta e tangibile una storia di somiglianze e differenze tra Nicolae e la città in cui vive. Una vita complessa e radicale ricca di esperienze, veloce, travagliata, transnazionale raccontata con una calma, convinzione e tranquillità affiancata ad una città vuota, ferma, isolata, lenta e piccola. Nicolae ha, nonostante tutto, una moltitudine di piani per il futuro ed una visione costruttiva e positiva che si schiera contro le ipocrisie sessiste, omofobe ed escludenti di oggi, stendardo di una buona parte del mondo clericale.


GRAN PREMIO DELLA GIURIA RICCARDO BRAGHIN (500 Euro offerti da Tactile Vision)
La giuria assegna il Gran Premio della Giuria Riccardo Braghin a NEL SILENZIO di Lorenzo Ferrante e Matteo Ricca. Imparare a collaborare con l’inevitabile “, ci suggerisce Roberto Assagioli, fondatore della Psicosintesi. Quasi a cogliere questo invito, “Nel Silenzio” ci porta a confrontarci con i sogni e i bisogni di una nuova generazione di giovani che, volente o dolente, vive con più consapevolezza la realtà della disabilità. L’universalità di quest’ultima, il legame con un passato “crudele” che cambia improvvisamente le aspettative di un’esistenza umana e la maggior presa di coscienza di tutto ciò, diventano anch’essi, inevitabili ed inconfutabili effetti dinamici della globalizzazione mondiale.

PREMIO RAI CINEMA CHANNEL (1.000 Euro offerti da Rai Cinema Channel)
Rai Cinema Channel ha scelto di consegnare il Premio per il “corto più web” a LA CONTRORA di Marianna Fumai e Luana Martino. Per la capacità di raccontare il dramma contemporaneo della precarietà lavorativa e della vita stessa attraverso un gioco creativo del contrasto tra l’immobilismo umano e il dinamismo simbolico del fumetto.

PRIMO PREMIO ARMANDO CESTE (1.000 Euro offerti dall’Associazione Riccardo Braghin)
Per lo sguardo lucido e colmo di rimpianto, eppure incantato nel rifugio di un cinema che sfida la realtà del nostro paese e permette ancora di sognare con una bellezza scenica disarmante: due ragazzi e una ragazza nella desolazione della provincia italiana, tre storie contraddistinte dalla mancanza di una realizzazione e dalla ricerca di un altrove in una dimensione temporale nostalgica; nel disperato tentativo di sfuggire a una spirale distruttiva dei legami d’amore e d’amicizia, tra le macerie delle nostre identità, il PRIMO PREMIO ARMANDO CESTE VA A LE NOSTRE COSE IMPORTANTI di Gino Caron

indietro

Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema - Credits