Home Storia Notiziario Iniziative Info Link Ingrandisci il testo
Associazione
Museo Nazionale
del Cinema

Amici della Fondazione
Maria Adriana Prolo
Via Montebello 22
10124 Torino
T + 39 011 0765039
M + 39 347 5646645
F + 39 011 4377134
info@amnc.it
www.amnc.it

Progetti on line
Torino Città del Cinema / Enciclopedia del Cinema in Piemonte

News - 18.09.2015 indietro
La cultura per tutti Martedì 22 Settembre ore 16 al Cinema Massimo

La cultura per tutti
Presentazione del libro
"L’accessibilità alla cultura per i disabili visivi. Storia e orientamenti"
di Fabio Levi, pubblicato da Silvio Zamorani editore
Martedì 22 Settembre 2015, alle ore 16,00
Cinema Massimo, Sala 3, Via Verdi 18, Torino
Ingresso libero fino a esaurimento posti

Tactile Vision Onlus organizza per martedì 22 Settembre la presentazione del libro "L’accessibilità alla cultura per i disabili visivi. Storia e orientamenti" di Fabio Levi e pubblicato dall’editore Silvio Zamorani, l'appuntamento a ingresso libero, si terrà presso la sala 3 del Cinema Massimo di Torino, in Via Verdi 18.
Nella pubblicazione scritta da Fabio Levi sono raccolti diversi testi, frutto di una riflessione e di una sperimentazione più che ventennali, su come sia possibile offrire alle persone con disabilità visive un migliore accesso alla cultura. Oggi si ragiona oramai diffusamente di accessibilità for all, e un approccio più limitato e specifico può forse sembrare a prima vista riduttivo rispetto al dibattito in corso. In realtà non bisogna dimenticare che, se si è arrivati a proporre una visione più ampia del design “per tutti”, è solo dopo che si sono compiuti lunghi percorsi di studio e di sperimentazione su terreni particolari. Il libro aiuta ad approfondire uno di quei percorsi, attraverso l’analisi dei problemi concreti con cui si sono misurati in passato e devono misurarsi tuttora ciechi e ipovedenti, ma soprattutto proponendo e discutendo soluzioni fortemente innovative adottate nel corso degli anni in Italia e in altri paesi per consentire una fruizione più ampia e più ricca del patrimonio culturale, da intendersi come la necessaria premessa di una maggiore libertà di scelta e di iniziativa per ogni singolo individuo, malgrado e oltre le sue difficoltà visive.

“L'accessibilità alla cultura per i disabili visivi. Storia e orientamenti" – dichiara Fabio Levi – si propone due obiettivi principali: in primo luogo aiutare il lettore a entrare nella prospettiva di chi non vede o ha gravi problemi di vista; su queste basi proporre poi idee, strumenti e soluzioni utili a favorire il superamento della distanza che rischia di compromettere l'accesso dei disabili alle opportunità che la cultura di oggi, ad esempio un museo come quello del Cinema, offre alla generalità dei cittadini. L'incontro del 22 Settembre offrirà l'occasione per ascoltare in proposito, insieme all'autore, l'opinione di esperti qualificati.”

Ad accompagnare l'autore saranno presenti Laura Anfuso, pedagogista Hoelle Corvest, Cité de la Science di Parigi, Francesco Fratta, Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, Anna La Ferla, Museo di Palazzo Madama, Rocco Rolli, Tactile Vision Onlus, Paola Traversi, Museo Nazionale del Cinema e Peppino Ortoleva, Università di Torino, che condurrà l'incontro.

Per maggiori informazioni: info@tactilevision.it – 347 56 46 645


Fabio Levi insegna Storia contemporanea all’Università di Torino. Insieme alle sue ricerche sulle discriminazioni di razza, si occupa da molti anni di integrazione e accesso alla cultura dei disabili visivi. Sull’argomento ha pubblicato, tra l’altro, Un mondo a parte. Cecità e conoscenza in un istituto di educazione (1940-1975); con Rocco Rolli, Disegnare per le mani. Manuale di disegno in rilievo e vari libri tattili fra cui Torino; La Mole. Storia e architettura; per la collana “Tacto” con Paola Slaviero Le figure della geometria piana; per il British Museum Second Sight of the Parthenon Frieze (con Susan Bird e Ian Jenkins).

Davide Lasagno, dottore di ricerca in Storia delle società contemporanee presso l’Università di Torino, si è occupato di disegno in rilievo con la Tactile Vision onlus e di storia della psichiatria. Ha pubblicato, fra l’altro, Oltre l’istituzione. Crisi e riforma dell’assistenza psichiatrica a Torino e in Italia.


La sequenza dei capitoli, arricchiti anche da numerose illustrazioni compresa una tavola in rilievo, consente in primo luogo al lettore di entrare nella prospettiva di chi non vede o ha gravi problemi di vista; su queste basi propone poi idee, strumenti e soluzioni utili a favorire il superamento della distanza che rischia di compromettere l'accesso dei disabili alle opportunità offerte alla generalità dei cittadini dalla cultura di oggi. Conclude il volume un saggio che ripercorre la storia delle riflessioni su linguaggio e cecità, dagli sforzi di integrazione scolastica dei non vedenti attorno alla metà del Novecento al dibattito sul verbalismo degli ultimi decenni. Trattando di situazioni limite con riferimento a questioni che interessano la vita di ogni giorno, il libro apre questioni e orizzonti che vanno ben oltre la condizione specifica dei disabili e riguardano da vicino il mondo di noi tutti.

indietro

Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema - Credits