Home Storia Notiziario Iniziative Info Link Ingrandisci il testo
Associazione
Museo Nazionale
del Cinema

Amici della Fondazione
Maria Adriana Prolo
Via Montebello 22
10124 Torino
T + 39 011 0765039
M + 39 347 5646645
F + 39 011 4377134
info@amnc.it
www.amnc.it

Progetti on line
Torino Città del Cinema / Enciclopedia del Cinema in Piemonte

News - 12.02.2008 indietro
14 febbraio 2009, "proiezioni dopo mezzanotte" perchè siamo...INNAMORATI DELLA CULTURA

Iniziativa organizzata e promossa dal
"Comitato Innamorati della Cultura"

Proiezioni “dopo mezzanotte” presso il Cinema Romano (Galleria Subalpina – Torino)

a cura di

Lorenzo Ventavoli
Associazione Piemonte Movie
Film Commission Torino Piemonte
Associazione Museo Nazionale del Cinema



Lorenzo Ventavoli, la Film Commission Torino Piemonte, l’Associazione Museo Nazionale del Cinema e l’Associazione Piemonte Movie aderiscono all’iniziativa promossa dal "Comitato Innamorati della Cultura” e partecipano alla giornata di eventi e iniziative del 14 febbraio con una proiezione straordinaria “dopo mezzanotte”, ad ingresso libero, presso il Cinema Romano, luogo simbolo della storia del cinema torinese e primo cinema d'essai d'Italia, nel segno di quanto portato avanti da anni per la promozione del buon cinema a tutto campo - il cinema d’autore, quello popolare e di genere, la fiction, il documentario, i classici e gli esordienti, ecc. - con una particolare attenzione al cinema che ha un rapporto diretto con Torino e il Piemonte e guarda allo stesso tempo alla dimensione internazionale.

Ecco dunque il “Il Divo” di Paolo Sorrentino, uno dei nuovi autori del cinema italiano più coraggioso e anticonvenzionale, premiato da critica e pubblico in Italia e ancora di più all’estero, originale e potente sul piano visivo come su quello del confronto con la storia, realizzato a Torino con il sostegno della Film Commission e la partecipazione di molti tecnici e professionisti locali; “Occhi che videro” di Daniele Segre, splendido ritratto di Maria Adriana Prolo, fondatrice del Museo Nazionale del Cinema di Torino, con la collaborazione di Davide Ferrario e Donata Pesenti Compagnoni; “Piemonte Stories”, “collana” di documentari brevi per raccontare il Piemonte all’estero in modo non consueto, attraverso piccole-grandi storie e personaggi, che è stata allo stesso tempo un’occasione di scoperta e formazione per una nuova generazione di giovani film-makers….

… e infine, con un ironico richiamo al 14 febbraio come il giorno di San Valentino, in pieno stile da “cult movie” di mezzanotte, ecco “Dellamorte Dellamore” di Michele Soavi, più apprezzato e premiato all’estero che in Italia, dal romanzo di Tiziano Sclavi, il creatore di “Dylan Dog”, con Rupert Everett (l’attore che ispirò anni prima le sembianza del personaggio) nei panni del custode del cimitero di una misteriosa cittadina della provincia italiana costretto ad affrontare un’epidemia di “morti viventi” – ma il vero incubo, come in tutti i migliori zombie movie, sono i vivi, gretti, meschini, benpensanti e violenti, chiusi in un piccolo mondo senza amore e senza prospettive: tra humour grottesco e malinconia, un buon esempio di film “di genere” che sotto le apparenze del divertimento fumettistico sembra abilmente raccontare (e anticipare) i rischi di un’Italia e un mondo che riduce o azzera gli spazi per il confronto, l’incontro, la memoria, la molteplicità e la diversità – insomma, che riduce o azzera la cultura.


Il programma, in breve:

CINEMA ROMANO 1
- ore 00,40 “Il Divo” (Italia/Francia, 2008, 110') di Paolo Sorrentino

CINEMA ROMANO 2
- ore 00,45 “Dellamorte Dellamore” (Italia/Francia/Germania, 1994) di Michele Soavi

CINEMA ROMANO 3
- ore 00,25 “Occhi che videro” (Italia, 1989, 50') di Daniele Segre

- “Piemonte Stories” (Italia/Finlandia/Svizzera, 2006, di AA.VV. coordinati da Matteo Bellizzi

indietro

Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema - Credits