Martedì 30 marzo inizia il secondo ciclo del 2021 di Parole&Cinema, la rassegna dedicata dall’Associazione Museo Nazionale del Cinema (AMNC) alla presentazione di libri che raccontano la settima arte da ottiche diverse e variegate, per approcci di scrittura e per tematiche e punti di vista, esplicitamente o nei suoi rapporti con le altre arti e narrazioni e con aspetti sociali della contemporaneità. Gli autori dei volumi selezionati dialogheranno con il critico Edoardo Peretti dell’AMNC e gli appuntamenti si terranno online. Potranno essere seguiti sulla pagina Facebook dell’AMNC. La speranza è quella di poterli recuperare presto dal vivo, in maniera tale da continuare quel dialogo con le molteplici realtà sociali e culturali del territorio che è stato decisivo nelle prime tre edizioni della rassegna.

Il primo appuntamento in programma è martedì 30 marzo alle 18,00 con Mario Galeotti, autore di Peter Cushing e I mostri dell’inferno (Falsopiano Edizioni, 2020), un approfondito viaggio nella vita e nella carriera dell’attore britannico, reso celebre dal ruolo del dottor Van Helsing in Dracula di Terence Fisher (1958) e dalle partecipazioni iconiche in altri film horror prodotti dalla Hammer, ma anche interprete estremamente versatile. Come scrive nella prefazione la giornalista ed ex Direttrice del TFF Emanuela Martini:“Non c’è dubbio che il physique du role e la finezza interpretativa di Peter Cushing abbiano contribuito a tracciare fisionomie assai complesse, non liquidabili come stereotipi, le cui sfaccettature “maligne” s’intrecciano tra loro, lasciando comunque aperte e irrisolte le scambievoli connessioni tra Bene e Male“.

Martedì 13 aprile alle 18,00 sarà il turno di Leonardo Sciascia, al quale Giuseppe Cipolla ha dedicato “Ai pochi felici”. Leonardo Sciascia e le arti visive, un caleidoscopio critico (Edizioni Caracol, 2020), volume in cui il mondo del grande scrittore siciliano viene analizzato nell’ottica dei ricchi e continui riferimenti alle arti visive, fondamentali nella sua poetica. 

Martedì 20 aprile, sempre alle 18, Martina Puliatti, autrice deLa rivoluzione interiore. Corpi senza organi nel cinema di David Cronenberg (Aracne Editrice, 2020), affronterà il cinema dell’autore canadese e l’evoluzione del concetto filosofico teorizzato negli anni da Gilles Deleuze e Félix Guattari di Corpo senza Organi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *