Memoria e Archivi

Mondo Niovo

Mondo Niovo 18-24 ft/s - Notiziario dell'Associazione Museo Nazionale del Cinema

Nato nel 1961, anche se la numerazione cominciò ufficialmente con il numero 1 del gennaio 1966, Mondo Niovo 18-24 ft/s ha conosciuto nell’arco degli anni innumerevoli formati, modelli e concezioni differenti.

Pensato da Maria Adriana Prolo come Notiziario dell’Associazione Museo Nazionale del Cinema, per rendere conto di tutte le attività dell’Associazione, nel 2002 cambia nome: Mondo Niovo rimanda a uno dei più noti strumenti ottici di fabbricazione italiana conservati dal Museo del Cinema, rimanendo per molti anni ancora un diario dettagliato della vita dell’AMNC, e ospitando firme importanti, come quelle di: il poeta Edoardo Sanguineti, Gianni Rondolino, Silvio Alovisio, Giulia Carluccio, Giaime Alonge, Franca Varallo, Giovanni De Luna e Franco Prono dell’Università degli Studi di Torino, Paolo Bertetto della Sapienza di Roma, Marco Dalla Gassa dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, Paolo Gobetti fondatore dell’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza, Alberto Barbera direttore della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, Paolo Manera direttore di Film Commission Torino Piemonte, i registi Bernardo Bertolucci, Mario Monicelli, Francesco Rosi, Liliana Cavani, Giorgio Treves, Dario Argento e Gabriele Salvatores, i critici e giornalisti Alfio Bastiancich, Steve Della Casa, Maria Grazia Imarisio, Gian Paolo Ormezzano, Aldo Grasso, Gregorio Napoli, Alberto Pezzotta, gli scrittori Carlo Fruttero, Bruno Gambarotta e Giuseppe Culicchia, la produttrice e sceneggiatrice Angela Prudenzi, Dario Reteuna dell’Istituto Europeo di Design e l’artista Ugo Nespolo, autore, nel 2012, della copertina del numero 89.

Con il passare del tempo Mondo Niovo 18-24 ft/s si è arricchito di nuovi contenuti e nuove energie, diventando poco a poco strumento di approfondimento rispetto a diverse questioni cinematografiche: dal cinema muto alla letteratura legata ai film, dal rapporto tra architettura e cinema fino ai numeri monografici realizzati spesso in occasione della consegna del Premio Maria Adriana Prolo, appuntamento fisso dell’AMNC in collaborazione con il Torino Film Festival e dedicati a registi come Alain Robbe-Grillet, Giuseppe Bertolucci, Daniele Segre, Bruno Bozzetto, Costa-Gavras, Lorenza Mazzetti, Carlo Lizzani, David Grieco, Pietro Perotti, agli attori Roberto Herlitzka e Piera Degli Esposti o allo sceneggiatore Giorgio Arlorio; senza dimenticare quello in cui è stata pubblicata l’indicizzazione completa del periodico fino al 2009 (n. 84).

Con la monografia dedicata ad Abbas Kiarostami la rivista ha raggiunto, nel mese di aprile 2017, il traguardo del centesimo numero. Dall’ottobre 2011 a dirigere Mondo Niovo 18-24 ft/s è Caterina Taricano, affiancata da Matteo Pollone nel ruolo di vicedirettore, che ha cercato di dare alla pubblicazione un’identità più forte, una riconoscibilità che ha portato a fidelizzare nuovi lettori, rivolgendosi in eguale misura agli studiosi, agli addetti ai lavori, agli appassionati e ai semplici curiosi. 

L’AMNC detiene un indirizzario, in continuo aggiornamento, composto da oltre 500 contatti nazionali e internazionali di biblioteche, università, enti culturali, istituti di ricerca, cineteche, festival a cui invia Mondo Niovo 18/24 ft-s il cui codice ISSN 2280 – 87 60 con autorizzazione concessa dal Tribunale di Torino.