L’estate sta arrivando e con lei, puntale come tutti gli anni dal 2013, arriva anche l’immancabile appuntamento con i film di UN’ESTATE AL CINEMA – Barriera è casa mia: la rassegna cinematografica organizzata dall’Associazione Museo Nazionale del Cinema (AMNC) e dal Cineteatro Monterosa che ritorna, per la sua ottava edizione, a invadere di proiezioni le serate estive nel quartiere di Barriera di Milano con ospiti e incontri dal 6 luglio al 12 agosto.

La rassegna si compone di 18 appuntamenti – suddivisi in sei percorsi tematici – per un totale di 21 film fra lungometraggi, documentari e cortometraggi che verranno proposti in versione silent movie con l’ausilio di cuffie. Il programma di UN’ESTATE AL CINEMA proporrà una vasta scelta di appuntamenti per gli amanti della settima arte e non solo fra commedie, pellicole d’essai, grandi classici e film indipendenti pressol’Arena Cineteatro Monterosa da 100 posti in via Brandizzo n.65 a Torino; il biglietto d’ingresso è unico e ha un costo di 3.00 Euro, le proiezioni avranno inizio alle ore 21.30.

L’estate cinematografica aprirà i battenti lunedì 6 luglio e come sempre sarà un lungo ed emozionante viaggio nelle storie e nelle immagini del magico mondo del Cinema a partire da La luna su Torino di Davide Ferrario, autore simbolo nell’anno di Torino Città del Cinema 2020 che presenterà il film al suo pubblico, per proseguire mercoledì 8 luglio con il documentario Star Stuff di Milad Tangshir presentato in anteprima durante l’ultimo Torino Film Festival; la prima settimana dedicata al cielo e alle stelle si concluderà venerdì 10 luglio con Si alza il vento, l’ultimo capolavoro firmato dal maestro dell’animazione giapponese Miyazaki.

La seconda settimana avrà come temi principali i confini e le connessioni nel nostro presente grazie alle opere di Gianni Di Gregorio (Lontano lontano il 13 luglio), Luigi D’Alife (The Milky Way il 15 luglio) e Markus Imhoof (Un mondo in pericolo il 17 luglio con una serata dedicata alle api).

La terza settimana avrà al centro l’infanzia e le nuove generazioni con Bekas di Karzan Kader il 20 luglio, Bangla di Phaim Bhuiyan (David di Donatello come miglior regista esordiente) il 22 luglio e l’inclusivo Mio fratello rincorre i dinosauri di Stefano Cipani il 24 luglio.

Protagonisti della quarta settimana saranno il viaggio e la ricerca con la storia vera raccontata in Qualcosa di meraviglioso di Pierre-François Martin-Laval in programma il 27 luglio, l’animazione brasiliana Il bambino che scoprì il mondo di Alê Abreu il 29 luglio e Il diritto di contare di Theodor Melfi il 31 luglio, pellicola al femminile che ha ricevuto tre candidature agli Oscar che oggi riveste ancora più importanza grazie al movimento internazionale Black Lives Matter.

Il filo rosso della quinta settimana sarà rappresentato dai Sud del mondo con un pensiero allo scrittore Luis Sepúlveda che ci ha lasciato in questi mesi difficili: lunedì 3 agosto sarà proiettato Aspromonte del regista torinese Mimmo Calopresti, candidato a tre Globi d’oro tra cui per la miglior interpretazione di Valeria Bruni Tedeschi e la miglior colonna sonora composta da Nicola Piovani. Mercoledì 5 agosto l’artista cileno Mono Carrasco introdurrà Santiago Italia di Nanni Moretti mentre venerdì 7 agosto sarà la volta dell’animazione Iqbal – Bambini senza paura di Michel Fuzellier e Babak Payami. L’ultima settimana, quella del Ferragosto, accorperà i primi tre giorni con un programma dedicato alla musica e al territorio grazie a La mélodie, Gipo, lo zingaro di Barriera e Un colpo all’italiana la prima versione del 1969 con Michael Caine celebre per le scene di inseguimento in auto con le Mini in giro per Torino.

“’un’Estate al Cinema 2020 – Barriera è casa mia’ è finalmente realtà, – dichiara Massimo Garbi responsabile del Cineteatro Monterosa. Ritorna nel cortile dell’Oratorio Salesiano Michele Rua il cinema all’aperto che aveva avuto il suo lontano inizio negli anni ’50, quando l’esperienza cinematografica era un elemento di fortissima aggregazione sociale. Questo progetto si è potuto realizzare grazie alla sinergia di diverse realtà che hanno trovato come punto comune di collaborazione il desiderio di portare qualcosa di bello all’interno del territorio di Barriera di Milano. Il Monterosa, l’AMNC ed i Bagni Pubblici di Via Agliè hanno messo insieme le loro competenze e i loro ambiti di azione, per dare vita a un progetto culturalmente molto valido, ma accessibile a tutti. Il tutto in modalità silent movie grazie alla collaudata esperienza degli amici del Baretti: cuffie a ogni spettatore per non disturbare il vicinato.

Come Associazione Museo Nazionale del Cinema – sottolinea il presidente Vittorio Sclaveranisiamo siamo contenti di aver costruito una partnership con una realtà importante per il territorio come il Cineteatro Monterosa in un momento nodale dove il nostro ruolo principale sarà quello di riavvicinare il pubblico al grande schermo. Attiveremo la pratica del biglietto sospeso, ovvero il pubblico potrà acquistare un biglietto in più da donare a chi non se lo può permettere. Il lunedì sarà dedicato ai film di finzione, il mercoledì ai documentari e al cinema del reale, mentre il venerdì è prevista una proposta dedicata alle famiglie e alle nuove generazioni particolarmente colpite in questi mesi a causa della chiusura delle scuole. Nel corso del programma renderemo omaggio a due autori che amiamo molto come Armando Ceste e Corrado Iannelli che sono stati capaci di raccontare le trasformazioni della città a partire dalle generazioni più giovani e dalle comunità straniere.

Tra le molteplici sinergie particolare rilievo ha la collaborazione con Stem*Lab – Scoprire Trasmettere Emozionare Motivare*, un progetto coordinato da Kairos scs, selezionato da “Con i Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile ed è rivolto a minori dai 5 ai 14 anni. Suo obiettivo principale è quello di offrire una risposta a questa criticità, creando e animando spazi in contesti scolastici aperti al territorio e a tutte le fasce sociali, con attività curriculari ed extracurriculari, che siano luoghi di sviluppo di competenze trasversali attraverso l’apprendimento e la sperimentazione delle materie STEM (Science Technology, Engineering, Mathematics). Le esperienze didattiche proposte alla fine delle proiezioni STEM*Lab (Si alza il vento, Il diritto di contare e Un colpo all’italiana)sono state realizzate in collaborazione con il Dipartimento Educazione del MAUTO Museo dell’Automobile di Torino, l’Ufficio Didattica e Divulgazione di Infini.to – Planetario di Torino e il Dipartimento Educazione della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.

Tra gli ospiti in programma: Davide Ferrario, Milad Tangshir, Valentina Noya, Luigi D’Alife, Azzurra Fragale, Erika Mattarella, Guido Cortese, Andrea Lupi, Mono Carrasco, Fabrizio Accatino, Nadia Bertuglia, Alessandro Castelletto ed Enrico Verra. La fotografia di UN’ESTATE AL CINEMA 2020 è uno scatto di Michele D’Ottavio, il sottotitolo della rassegna nasce da un’idea di Tazio Brusasco.

UN’ESTATE AL CINEMA – Barriera è casa mia è un iniziativa realizzata nell’ambito di Torino Città del Cinema 2020 e di Torino a Cielo Aperto curata dall’Associazione Museo Nazionale del Cinema, Cineteatro Monterosa, ACEC, Bagni pubblici di Via Agliè, Fondazione Montessori Italia; realizzata con il sostegno di Città di Torino, Fondazione per la Cultura, MiBACT, Miur, Fondazione CRT, Coop Nova Coop, Consorzio Kairos, AIACE Torino con il patrocinio della Circoscrizione 6 della Città di Torino. Media Partnership Agenda del Cinema a Torino.

Si ringrazia per la gentile collaborazione la Film Commission Torino Piemonte e la Fondazione Maria Adriana Prolo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *