Dopo l’esperienza veneziana riprende la programmazione delle Sale VR del Museo Nazionale del Cinema. Dal 22 settembre il palinsesto si arricchisce con VR Free (We Are Free), diretto da Milad Tangshir, un documentario girato con la tecnologia della realtà virtuale che pone lo sguardo sulla natura degli spazi della detenzione descrivendo alcuni momenti di vita all’interno della Casa circondariale Lorusso e Cutugno di Torino. Il film raccoglie la reazione di alcuni detenuti durante il loro breve incontro con video 360° che mostrano la vita fuori dal carcere. Usando i visori VR e le cuffie, i reclusi, privati temporaneamente della loro libertà, hanno virtualmente potuto partecipare ad alcune situazioni pubbliche e intime che non possono più vivere, come una partita di serie A allo stadio, una festa in discoteca il sabato sera, un’immersione sottomarina, l’incontro con la propria famiglia in un parco pubblico.

VR Free (We Are Free) è un progetto dell’Associazione Museo Nazionale del Cinema, prodotto da Valentina Noya e realizzato con il sostegno di Film Commission Torino Piemonte grazie al bando Under35 Digital Video Contest.

Per l’occasione il 22 settembre alle ore 17.00 il Museo organizza una visione collettiva del film con 40 visori a disposizione del pubblico alla quale interverranno il Direttore del Museo Domenico De GaetanoPaolo Manera Direttore della Film Commission Torino Piemonte, il regista Milad Tangshir e la produttrice Valentina Noya.

Ingresso con biglietto Museo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *